52 modi di piegare un fazzoletto da taschino

Una guida che ti illustrerà passo dopo passo come piegare il tuo fazzoletto da taschino in 52 modi diversi. I pallini indicano il livello di difficoltà.

Regole per piegare in modo corretto il fazzoletto da taschino

Non esistono regole particolari quando si indossa un fazzoletto da taschino, e anche le pieghe sono lasciate alla creatività del singolo che può decidere di creare la propria. La cosa che sconsigliamo, è quella di utilizzare lo stesso materiale per cravatte/papillon e fazzoletti da taschino. Finiresti per avere un look troppo perfetto e ordinato, quando invece dovresti cercare di sperimentare colori da abbinare. Leggi l'articolo riguardante i fazzoletti da taschino se vuoi farti un'idea sulla teoria dei colori.

Se ti approcci per la prima volta a questo mondo, ti consigliamo delle pieghe tradizionali come La piega presidenziale o quella classica a una punta. Se stai cercando qualcosa di più casual, senza rinunciare alla praticità, puoi optare per una piega a sbuffo. Ti senti particolarmente audace? Prova a piegare il fazzoletto a rosa o a 4 cime.

L'origine delle pieghe nei fazzoletti da taschino

Prima dell'avvento dei tessuti, gli uomini si affidavano a piccoli pezzi di stoffa per asciugare le sopracciglia sudate, soffiarsi il naso o pulirsi la bocca da residui di cibo. Il fazzoletto ha avuto per molto tempo un ruolo legato all'igiene personale nelle mani e nel taschino di uomini di tutto il mondo.

Il fazzoletto da taschino altro non è che un normale fazzoletto utilizzato per scopi puramente decorativi con tessuto più sottile e fantasie variopinte. La tendenza a piegare uno stupendo lembo di stoffa all'interno del taschino della giacca risale al 1920, per finire fuori moda nel 1960. Si è avuta una rinascita solo nel 1990, quando famosi attori di spettacoli televisivi iniziarono a indossarli nuovamente.

Torna su